Archivio

Cristina Kristal Rizzo

Dance n° 3

E’ selvaggio ciò che non si riesce a rappresentare con un’immagine.
Tutto comincia con la messa in gioco solitaria di me alle prese con l’immaginazione di una partitura coreografica, con la sua scrittura e con la possibile moltiplicazione dell’interprete. Immaginare e trascrivere un pensiero di movimento, come una lenta sceneggiatura che debba essere poi tradotta e montata in un tempo e uno spazio da un altro coreografo e di cui sarà a mia volta e nuovamente l’interprete.

SCRITTURA/ INTERPRETAZIONE
Il gesto essenziale e nevralgico del progetto è la scrittura di una ‘partitura coreografica’ ed il movimento che questa scrittura compie quando transita.
Questo passaggio si sintetizza in un solo concetto/parola: interpretazione.

  • Concept:  Cristina Kristal Rizzo
  • Score: Cristina Rizzo e Lucia Amara
  • Coreografia: Ezster Salamon, Michele Di Stefano, Matteo Levaggi
  • Interprete: Cristina Kristal Rizzo
  • Disegno luci: Roberto Cafaggini
  • Direttore di produzione: Francesca Corona (PAV)
  • Sssistente di progetto: Caterina Frani
  • Una produzione Reggio Emilia Danza e Romaeuropa Festival
    in collaborazione con PAV, Xing e Fabrik Potsdam Internationales Zentrum Tanz und Bewegungskunst